Lo Statuto


 Costituita dagli ex allievi diplomati, dipendenti e ex dipendenti dell’ISIS “Leonardo da Vinci” di Portogruaro

Art.1 Nel comune di Portogruaro viene costituita un’Associazione denominata “Associazione Istruzione Tecnica Professionale” con sede a Portogruaro (VE) in Via Galileo Galilei 1,  nel rispetto del codice civile e della legge 383/2000,  con la finalità di  creare collaborazione, coesione e spirito di gruppo tra ex studenti diplomati, ex dipendenti e dipendenti, anche con lo scopo di aiutare i diplomati ad inserirsi nel mondo del lavoro.

Art.2 L’Associazione non ha scopo di lucro, la sua durata è illimitata, il trasferimento della sede sociale non comporta modifica statutaria.

Art.3 L’Associazione è apartitica, promuove iniziative di collaborazione con il mondo dell’economia, dell’istruzione, della produzione e svolge attività sociali, culturali e ricreative a favore dei soci.

Art.4 In particolare l’Associazione può organizzare conferenze, convegni, incontri, elaborare e diffondere  pubblicazioni e periodici, organizzare viaggi turistico – culturali. Può collaborare con altre Associazioni, Scuole, Enti pubblici e privati soprattutto della Provincia di Venezia e di quelle limitrofe.  Può promuovere  in  proprio o con l’ausilio dell’ISIS “L. da Vinci” di Portogruaro, anche in collaborazione con altri Enti, istituzionali (Stato, Regioni, Province, Comuni), Confindustria, Istituti di Credito, Pro Loco, Sindacati, Associazione dei Periti Industriali, privati, corsi di formazione o riqualificazione, corsi post-diploma, o universitari.

Art.5 I  Soci  dell’AITP  si distinguono in Ordinari, Sostenitori e Onorari.

I Soci Ordinari sono tutti i diplomati dell’Istituto Tecnico Industriale Statale ITIS “L. da Vinci “  e  IPSIA “D’Alessi”, i dipendenti e gli ex dipendenti dei due Istituti che facciano domanda scritta; i soci Ordinari hanno diritto di voto e sono eleggibili alle cariche sociali.
I Soci Sostenitori sono tutti coloro che accettano lo statuto e che versano  una quota minima  annua di € 25,00 (Euro Venticinque,00).
I Soci Onorari sono il Dirigente Scolastico, il Direttore Amministrativo, due studenti del Comitato Studentesco, il Sindaco di Portogruaro, il Presidente dell’albo dei Periti Industriali e decadono con  la cessazione dell’incarico.
Le persone riconosciute come benemerite dall’assemblea dell’Associazione possono essere iscritte all’AIPT in qualità di Soci Onorari.  I Soci Onorari  non sono obbligati al versamento della quota sociale. Non hanno diritto di voto e  non sono eleggibili.

Art. 6 I Soci (fatta eccezione per i Soci Onorari) debbono versare all’Associazione la quota associativa annuale. L’Assemblea Ordinaria in sede di approvazione del bilancio stabilisce la quota associativa annuale per  tutte le categorie di soci.

Art. 7  I Soci hanno libero accesso alla sede, alla visione delle delibere, dei bilanci e dei verbali dell’Assemblea nelle ore di apertura della sede. Tutte le comunicazioni societarie saranno  trasmesse con e-mail,  compresa la convocazione dell’assemblea ordinaria e straordinaria.

Art. 8 Tutti i Soci e Studenti dell’Istituto possono inviare articoli, foto, disegni che saranno pubblicati  nel sito dell’Associazione dopo il giudizio insindacabile del Direttore Responsabile. Gli articoli, i manoscritti, le foto,  i disegni, anche se non pubblicati rimarranno nell’archivio dell’Associazione che potrà adoperarli quando lo riterrà opportuno, salvo espressa revoca da parte dell’autore.

Art. 9 Tutti i Soci presteranno la loro opera a favore dell’Associazione gratuitamente, tuttavia saranno  previsti i rimborsi delle spese fatte a favore dell’AITP, quali spese postali, cancelleria, mezzi di trasporto, dietro presentazione di scontrini fiscali o fatture; l’uso del mezzo proprio verrà rimborsato se preventivamente autorizzato dal Presidente o suo delegato. I Soci potranno ottenere facilitazioni o sconti sulla base di convenzioni e in occasione di manifestazioni, convegni o altri eventi promossi dall’Associazione.

Art. 10 La qualifica di Socio decade per dimissioni scritte,  morosità o per  indegnità, giudicata tale dai Probiviri  su proposta del Direttivo.

Art. 11 Sono organi dell’AITP: L’Assemblea dei Soci, il Consiglio Direttivo, il Presidente, il Collegio dei Revisori dei Conti, il Collegio dei Probiviri.

Art. 12 L’assemblea rappresenta l’universalità dei Soci e le sue decisioni, prese in conformità alla legge e al presente statuto, obbligano i Soci. Ogni Socio esprime un voto indipendentemente dall’ammontare della quota associativa versata;  non è previsto il voto per delega. Le Assemblee sono presiedute dal Presidente o in sua mancanza dal Vicepresidente assistito dal Segretario.
 
Art. 13 L’Assemblea ordinaria è convocata almeno una volta l’anno. Ad essa vengono sottoposte da parte del Consiglio Direttivo le linee guida dell’Associazione, i regolamenti, i bilanci consuntivo e preventivo, le proposte, le iniziative e gli eventi di carattere straordinario. L’Assemblea per l’approvazione dei bilanci deve essere convocata entro il mese di marzo. L’Assemblea viene indetta dal Presidente dell’Associazione, previa deliberazione dell’ordine del giorno da parte del Consiglio Direttivo, con avviso portato a conoscenza dei Soci almeno 7 giorni prima del  giorno fissato per la celebrazione dell’Assemblea, mediante posta elettronica e con l’affissione dello stesso nella sede dell’Associazione. L’Assemblea ordinaria è valida, in prima convocazione, con la partecipazione di almeno la metà più uno dei Soci e delibera con maggioranza; in seconda convocazione, da indirsi almeno 24 ore  dopo, L’Assemblea  è valida qualunque sia il numero dei partecipanti e delibera con voto favorevole della maggioranza.
 
Art.14 L’Assemblea straordinaria è convocata dal Presidente quando ne ravvisi la necessità, dietro richiesta scritta dalla maggioranza del Consiglio, oppure a seguito di richiesta sottoscritta da almeno metà più uno dei Soci, o per lo scioglimento dell’Associazione. L’Assemblea straordinaria è valida, in prima convocazione,  con la partecipazione di almeno la metà più uno dei Soci e delibera a maggioranza; in seconda convocazione, da indirsi almeno 24 ore dopo, l’Assemblea è valida qualunque sia il numero dei partecipanti e delibera con voto favorevole della maggioranza.
 
Art. 15 Il Consiglio Direttivo è composto da undici membri effettivi,  compresi il Presidente,  il Vice Presidente, e il Segretario Tesoriere, tale da assicurare una equilibrata rappresentatività degli iscritti. Alle riunioni del Consiglio Direttivo sono invitati  due studenti del Comitato Studentesco e il Dirigente Scolastico senza diritto di voto. L’Assemblea elegge i componenti del Consiglio Direttivo.  I componenti del Consiglio Direttivo rimangono in carica per tre anni, essi sono rieleggibili.
 
Art. 16 Il Consiglio Direttivo ha facoltà di avvalersi, per incarichi di particolare rilevanza, di uno o più Soci che possono essere invitati alle riunioni del Consiglio Direttivo ed in tal caso possono esprimere la loro opinione sugli argomenti all’ordine del giorno, senza diritto di voto.
 
Art. 17 Il Consigliere che per tre sedute consecutive sia assente, senza valide motivazioni, può essere dichiarato decaduto con deliberazione del Consiglio Direttivo il quale provvede alla surrogazione del medesimo mediante nomina del primo dei non eletti.
 
Art. 18 Per la validità delle deliberazioni occorre la presenza effettiva di 4  membri del Consiglio Direttivo ed il voto favorevole della maggioranza dei presenti, in caso di parità è determinante il voto del Presidente. Delle riunioni dei Consigli Direttivi e relative deliberazioni dovrà essere redatto relativo verbale firmato dal Presidente e dal Segretario-Tesoriere.
 
Art. 19 Il Consiglio Direttivo è investito dei poteri per la gestione ordinaria dell’Associazione ed in particolare gli sono riconosciute tutte le facoltà per il raggiungimento delle finalità sociali che non siano dalla legge o dal presente statuto riservate, all’Assemblea dei Soci.
 
Art. 20 Il Presidente, il Vice Presidente, il Segretario Tesoriere sono eletti a maggioranza dal Consiglio Direttivo alla prima riunione dopo le elezioni del Consiglio Direttivo;  tale  riunione  viene  convocata dal consigliere più anziano. Tutte le cariche sociali sono a titolo gratuito e non sono remunerate in alcun modo.
 
Art. 21 Il Presidente in caso di assenza o impedimento temporaneo sarà sostituito dal Vice Presidente. Il Segretario-Tesoriere in caso di impedimento temporaneo sarà sostituito da un consigliere nominato dal Direttivo. In caso di impedimento definitivo, il Consiglio Direttivo provvederà all’elezione del nuovo Presidente e/o del Segretario-Tesoriere entro 6 (sei) mesi.
 
Art. 22 Il Presidente ha la responsabilità dell’Amministrazione dell’Associazione, la rappresenta di fronte ai terzi ed in giudizio, convoca e presiede il Consiglio Direttivo e l’Assemblea dei Soci. In tale attività è assistito dal Segretario-Tesoriere .
 
Art. 23 Il Segretario redige i verbali delle varie riunioni, cura la conservazione della documentazione riguardante  l’attività  dell’Associazione, assicura l’esecuzione delle deliberazioni e provvede al normale funzionamento degli uffici. Egli è il responsabile della regolare tenuta dei libri sociali.
 
Art. 24 Il Tesoriere segue i movimenti contabili e le relative registrazioni ed è responsabile della tenuta di idonea documentazione dalla quale risulta la gestione economica e finanziaria dell’Associazione.
 
Art. 25 Il Collegio dei Revisori dei Conti, è composto da tre membri eletti dall’Assemblea. Tale Collegio rimane in carica tre anni. I Revisori dei Conti sono invitati alle riunioni del Consiglio Direttivo e possono intervenire alla discussione senza avere diritto di voto.

Art. 26
Il Collegio dei Probiviri, è composto da tre soci  eletti dall’Assemblea ogni tre anni. Essi hanno il compito di controllare il rispetto delle norme statutarie e di giudicare in caso di controversia tra i Soci.
 
 Art. 27 All’Assemblea dei Soci è sottoposto annualmente per approvazione  il bilancio di previsione e il rendiconto economico e finanziario, predisposti e redatti dal Segretario-Tesoriere e proposti dal Presidente al Consiglio Direttivo dell’Associazione e da esso approvati. Il rendiconto deve essere redatto seguendo i criteri di cassa e di competenza come previsto dalla legislazione vigente in materia. Esso sarà disponibile per la visione presso la sede dell’Associazione. L’anno sociale coincide con l’anno solare. Il  primo anno sociale, iniziato il 20 agosto 2012 terminerà il 31 dicembre 2012. Il bilancio annuale dell’AITP non dovrà essere in passivo e dovrà essere approvato dall’Assemblea entro 3 mesi dalla sua chiusura.
 
Art. 28 Le entrate economiche con le quali l’Associazione provvede alla propria attività sono: 1) le quote sociali;  2) i contributi da Enti Pubblici e/o da entità private;  3) attività finalizzate al sostegno delle attività dell’Associazione secondo la legislazione vigente.
Tutte le entrate sono utilizzate e spese per il raggiungimento delle finalità dell’Associazione ed eventuali utili ed avanzi di gestione nonché fondi, riserve o capitale non possono essere distribuiti, neppure in modo indiretto, ai Soci.
 
Art.29 Il Direttivo può nominare il Presidente Onorario. La persona proposta dovrà aver conseguito meriti particolari che lo abbiano distinto in modo significativo in attività lavorativa, culturale e/o sociale. Questa persona potrà anche essere indicata tra non soci dell’Associazione. La scelta dovrà essere ratificata nell’assemblea dei soci. Il Presidente Onorario ha diritto a partecipare all’assemblea dei soci, e alle riunioni del direttivo, senza diritto di voto; infine potrà anche essere consultato dai probiviri dell’associazione.
 
Art. 30  L’Associazione ogni anno organizzerà un evento che ponga in risalto le competenze e/o i risultati ottenuti dai soci o dagli studenti dell’ISIS anche in competizione con altri Istituti. Tale iniziativa si svolgerà entro la fine dell’anno scolastico.
 
Art. 31 L’eventuale scioglimento dell’Associazione sarà deciso dall’Assemblea Straordinaria dei Soci appositamente convocata. Sia in prima e sia in seconda convocazione dovrà essere presente almeno la metà dei Soci più uno, la decisione di scioglimento dovrà essere assunta con maggioranza di 2/3 (due terzi) dei presenti. In caso di scioglimento, dopo che si sarà provveduto al saldo di tutte le pendenze passive, le somme eventualmente restanti saranno devolute all’ISIS “L. da Vinci ” di Portogruaro così  come  tutti i beni dell’Associazione.
 
Art. 32 Per tutto ciò che non è espressamente contemplato dal presente Statuto si fa riferimento alle norme del Codice Civile e della legislazione vigente.